Che cosa è la sede legale?

No comments

In questo articolo intendiamo spiegare, nel dettaglio e in maniera più semplice possibile, cos’è la sede legale. Un imprenditore, o un libero professionista, devono necessariamente conoscere le definizioni corrette dei termini tecnici relativi alla loro attività. Questo per svariati motivi. Primo tra tutti poter adempiere correttamente a tutti gli obblighi burocratici e fiscali. Così da non incappare in multe e sanzioni. Deleterie per la credibilità professionale, per lo sviluppo e l’espansione del proprio business e, non da ultimo, per il proprio budget e portafoglio. Vuoi sapere cos’è la sede legale, cosa si intende con questo termine e quali sono tutti gli obblighi ad essa legati? Continua a leggere e lo scoprirai tra poco!

Sede legale: definizione

sede legale

Con il termine “sede legale” si intende il centro amministrativo di una società, un’impresa, un’attività in proprio di qualsiasi genere. Questo significa che, nella sede legale, saranno presenti tutti i documenti relativi al business in oggetto. A partire dalla documentazione di inizio attività fino ai libri contabili. Passando per la compilazione delle fatture, la redazione dei bilanci annuali, i conteggi delle buste paga dei dipendenti. Naturalmente, tutte le comunicazioni ufficiali, da parte di Enti quali, per esempio, Fisco e Camera di Commercio, arriveranno a quell’indirizzo. O alla PEC abbinata. Quindi anche tutti i documenti dei rapporti istituzionali saranno conservati e archiviati all’interno della sede legale.

Facciamo qualche esempio

Per rendere più chiaro il concetto facciamo qualche esempio pratico.

Libero professionista, ditta individuale, libera professione

Il Dottor Freddi, neuropsichiatra, decide di esercitare la libera professione avvalendosi della sua Partita Iva. Riceve i pazienti in un appartamento che funge da studio e ambulatorio. Quell’appartamento è adibito esclusivamente alla sua professione. Non è quindi la casa in cui vive con la sua famiglia. All’interno c’è una grande camera che contiene l’attrezzatura medica per eseguire le visite e le diagnosi, una stanza d’aspetto con una piccola reception per l’accoglienza dei pazienti, un bagno. Il Dottore conserva lì tutti i faldoni che racchiudono le cartelle cliniche dei suoi pazienti, il PC che utilizza per lo svolgimento della sua professione e che contiene i dati sensibili, i ricettari, i timbri. Quella è la sede legale della sua ditta individuale. Sarà quindi quello l’indirizzo che fornirà alle istituzioni. Dal quale partiranno le comunicazioni fiscali, amministrative e burocratiche e al quale arriveranno eventuali comunicazioni ufficiali.

Azienda, SRL

I coniugi Zamponi portano avanti, da anni, un’attività di famiglia. Sono nel campo del commercio, titolari di alcuni negozi di abbigliamento. Hanno tre locali adibiti alla vendita. Uno a Milano, uno a Roma e uno a Palermo. In quello di Milano, però, hanno allestito un ufficio. Dove lavora un impiegato che si occupa di tenere la contabilità di tutti e tre i negozi e di compilare le buste paga dei commessi. In questo caso, nonostante i nostri commercianti abbiano ben tre negozi, l’indirizzo della sede legale dovrà essere quello del negozio milanese, con annesso ufficio.

SPA, grandi aziende, catene

Un’attività importante, come può essere una SPA o una catena di aziende, negozi, ristoranti, bar o qualsiasi altro tipo di business, si comporta esattamente allo stesso modo. Nonostante ci possano essere filiali dislocate per il mondo, il titolare (o i titolari) dovranno scegliere in quale sede istituire il centro operativo. L’indirizzo ufficiale, quindi, diventerà quello per tutte le comunicazioni sia in entrata che in uscita.

L’importanza della sede legale

sede legale

Perché è così importante, soprattutto in presenza di più locali adibiti alla stessa attività, sceglierne uno ed eleggerlo come sede legale? Per una serie di motivi.

Eccoli elencati:

  • la legge obbliga a farlo. Ogni attività deve essere registrata con un indirizzo e bisogna dichiarare quello che, appunto, fa capo al luogo in cui è stata eletta la sede legale;
  • è comodo per la gestione burocratica. Qualunque sia l’impresa o la società, singola, individuale o rappresentata da diverse filiali, gestire la burocrazia e l’amministrazione generale in un unico posto risulta più comodo. Si riduce il rischio di perdere importanti documenti e il lavoro amministrativo risulta più lineare, ordinato e organizzato;
  • tutte le comunicazioni relative all’attività arrivano a un unico indirizzo, rendendo così il monitoraggio del proprio business più facile e scorrevole.

Per esempio

Mettiamo il caso che il negozio romano dei Signori Zamponi, che abbiano utilizzato come esempio nel paragrafo precedente, sia soggetto a un controllo fiscale o a una sanzione. Tale documento potrebbe essere consegnato nelle mani di un commesso. Che, non essendo responsabile del discorso amministrativo potrebbe dimenticarsene, perderlo o quant’altro. Ciò provocherebbe un grosso danno all’attività degli Zamponi. E una perdita di credibilità. Nel peggiore dei casi problemi con il Fisco o addirittura con la legge. Fortunatamente, invece, non funziona così. La comunicazione ufficiale relativa al negozio di Roma verrà inviata alla sede legale, a Milano. E finirà, quindi, direttamente nelle mani dei titolari della società o in quella delle persone che si occupano specificamente di questa branca dell’attività. Con tutti i vantaggi e la sicurezza del caso.

E se un professionista svolge il proprio lavoro da casa sua?

Soprattutto in questo periodo moltissimi professionisti lavorano da casa. Qualche esempio? I freelance professionisti, provvisti di regolare Partita Iva. I medici che hanno la fortuna di avere una grande abitazione e, di conseguenza, di poter adibire una stanza al ricevimento dei propri pazienti. I consulenti, che possono accogliere i clienti nel salotto di casa propria. I tecnici informatici, che possono ritirare i dispositivi guasti e ripararli tranquillamente all’interno della loro abitazione. E moltissime altre categorie di professionisti. In questo caso, la sede legale può coincidere, senza nessun problema, con il proprio domicilio. Se la Signora Terzi, sarta, esegue piccole modifiche o realizzazione di capi su commissione in una stanza della propria casa, adibita a laboratorio, potrà indicare come indirizzo legale della sua società quello del suo domicilio. Naturalmente, in questo caso, la documentazione relativa al proprio business dovrà essere presente in casa. Così, se dovesse avvenire un controllo fiscale, sarà possibile esibirla e dimostrare che è proprio lì che si trova il nucleo amministrativo/burocratico della propria attività professionale.

sede legale

Chi gestisce la sede legale di un’azienda?

Quando ci si lancia nel mondo della libera professione, che si tratti di istituire un’attività individuale, un’azienda o una società, è bene pensare sempre a chi e come gestirà tutto il discorso fiscale, amministrativo e burocratico della stessa. L’argomento è sensibile. In quanto un qualsiasi errore, di incompetenza, ingenuità o inesperienza, potrebbe costare molto caro. Il consiglio, pertanto, è sempre quello di rivolgersi a un Business Center o a professionisti del settore. Questo sia per compilare la documentazione di apertura attività, con tanto di scelta e comunicazione ufficiale della sede legale. Sia per gestire in futuro eventuali cambi di indirizzo. Nota bene: se si sceglie di affidare tutta la propria documentazione amministrativa/burocratica/fiscale e legale a terzi, la sede legale può coincidere con l’indirizzo di questi professionisti.

Esempio

Un’azienda si affida a un Commercialista. Che si occuperà di tutta l’amministrazione dell’attività. In questo caso la sede legale può essere eletta all’indirizzo dello studio di questo Dottore Commercialista. Hai ancora dei dubbi o ti serve qualcuno che ti aiuti a eleggere e gestire la sede legale della tua attività? Contattaci. Siamo a tua disposizione per fornirti qualsiasi informazione.

Maria MonacoChe cosa è la sede legale?
continua a leggere...

Dove mettere sede legale associazione?

No comments

Dove mettere sede legale associazione? Questa e tante altre domande ci si fa quando si istituisce un’associazione. Attività, spesso, di non facile gestione, soprattutto per i neofiti della materia. Le associazioni, infatti, pur essendo attività a tutti gli effetti, hanno a volte dei cavilli burocratrici particolari e dedicati, che è necessario conoscere, soprattutto in fase di costituzione della stessa. Questo per evitare spiacevoli inconvenienti a livello legale, fiscale e di burocrazia in generale. Leggi questo articolo se vuoi sapere come comportarti correttamente e quali sono i passi da compiere per eleggere in tutta correttezza la sede legale della tua associazione.

Associazione: di cosa si tratta?

sede legale associazione

Innanzitutto chiariamo cos’è, per la legge, un’associazione. Si tratta di ente di persone fisiche o giuridiche che si uniscono. Per costituire un gruppo unito dallo stesso scopo, generalmente non lucrativo. Le associazioni sono regolamentate dall’articolo 18 della Costituzione e dagli articoli dal 14 in poi del Codice Civile. Naturalmente, anche le associazioni no-profit devono essere registrate a norma di legge. Quindi devono avere:

Sede legale associazione: cos’è e perché è importante

La sede legale di un’associazione, e questo vale per tutte le attività professionali sia individuali che non, è l’indirizzo a cui gli enti ufficiali e istituzionali fanno fede per spedire le comunicazioni. Rappresenta, quindi, l’indirizzo del posto in cui è ubicato il nucleo amministrativo dell’associazione. E dove sono archiviati e conservati tutti i documenti relativi allo svolgimento dell’attività. Quando parliamo di associazioni il discorso può complicarsi rispetto a un’azienda o a un libero professionista.

Perché?

  • Molte associazioni raccolgono iscritti da ogni parte d’Italia, se non dal mondo, e spesso non esistono luoghi in cui ci si ritrova effettivamente insieme a svolgere attività. Pensiamo, ad esempio, alle associazioni di categoria.
  • Altre volte, invece, esistono diversi locali adibiti allo svolgimento delle attività, spesso dislocati su tutto il territorio nazionale.

Quindi dove eleggere la sede fiscale di un’associazione? Soprattutto se non c’è un luogo adibito specificamente all’incontro degli associati o se, al contrario, ne esistono decine?

Sede legale associazione: tutte le possibili opzioni

Quando si costituisce un’associazione, e la si registra regolarmente, va indicato anche l’indirizzo di sede legale. Quindi non è possibile deciderlo in seguito. Se si cambia idea in corso d’opera, infatti, sarà necessario agire con un regolare cambio, da comunicare tempestivamente agli Enti di competenza.

Dove poter eleggere la sede legale associazione?

sede legale associazione

Come scegliere, quindi, il luogo più adatto a fungere da sede legale dell’associazione? Quali sono le opzioni che i soci hanno a disposizione?

  • In uno dei locali adibiti allo svolgimento delle attività.
  • Presso il domicilio di uno dei soci, naturalmente se è d’accordo e se è disponibile ad assumersi l’onere.
  • Presso terzi.

Chiariamo bene quest’ultimo punto. Che vuol dire indicare come sede legale associazione l’indirizzo di terzi? In realtà è molto semplice. Se si assume un professionista per farsi gestire il discorso relativo alla burocrazia dell’associazione, o si affida il compito a un Business Center, è possibile indicare come sede legale l’indirizzo dello studio del professionista o dell’agenzia.

Come stabilire dove eleggere la sede legale di un’associazione

Per essere ufficiale, l’indirizzo di sede legale di un’associazione deve essere stabilito da una regolare assemblea. Questo vale anche di caso di modifica dell’indirizzo stesso. Alla riunione dovranno essere presenti oltre la metà dei soci iscritti. E il tutto dovrà essere verbalizzato e firmato da tutti i partecipanti. Bisogna altresì ricordare che, per quanto riguarda le associazioni, i documenti di costituzione o di modifica dei dati, dovranno essere presentati anche agli Enti speciali che la rappresentano. Quindi non solo all’Agenzia delle Entrate ma anche all’anagrafe ONLUS, al registro del volontariato, al CONI, eccetera.

A cosa serve, per un’associazione, la sede legale?

Anche in caso di associazione la sede legale conserva tutte le caratteristiche, sia in termini di diritti che di doveri, che ha relativamente alle attività di impresa, lucro e business.

Quindi:

  • è l’indirizzo di riferimento che le autorità e gli Enti ufficiali utilizzeranno per cercare un rappresentate dell’associazione;
  • a quell’indirizzo arriveranno tutte le comunicazioni ufficiali da parte del Fisco e/o degli Enti che si occupano dell’associazione.

Si tratta, quindi, di un dato molto importante. Bisogna pensare che a quell’indirizzo dovrà sempre esserci qualcuno di reperibile o chi ne fa le veci. Che sia il Commercialista scelto per la gestione dell’associazione, il Business Center a cui si è affidato l’incarico, un socio che si è preso l’onere di occuparsi dell’amministrazione oppure uno o più impiegati adibiti a tal compito.

Le caratteristiche della sede legale

Importante è ricordare alcune cose fondamentali. All’interno della sede legale dovrà essere presente tutta la documentazione inerente all’associazione, alle sue attività e agli eventuali introiti o uscite di denaro.

Nello specifico:

  • tutti gli atti di costituzione dell’associazione;
  • i verbali delle assemblee;
  • fatture in entrata e uscita;
  • copia di tutte le comunicazioni ufficiali e istituzionali;
  • eventualmente documenti relativi a eventuali lavoratori assunti o volontari.

Questa documentazione è molto importante per garantire la legalità, la correttezza e la trasparenza dell’associazione. Nonché per assicurarsi il diritto di poterla portare avanti. E di non incorrere in multe o sanzioni, disciplinari o pecuniarie che siano.

Qual è l’opzione migliore tra le diverse scelte possibili?

Le associazioni sono piuttosto complicate da gestire. Proprio per i motivi di cui parlavamo poco fa. Ossia la moltitudine di sedi dislocate sul territorio e la quantità di soci che possono partecipare. Nonché il numero degli iscritti e tutti i cavilli burocratici da considerare. Che cambiano in base al tipo di associazione, di categoria di persone che include e accoglie. Per questo è consigliabile farsi supportare e aiutare da professionisti del settore. Soprattutto per evitare errori di forma, che potrebbero costare salati in termini di multe o addirittura obbligo di chiudere l’attività. Il consiglio di consulenti esperti è certamente l’opzione più sicura, vantaggiosa e migliore. Sia per essere sicuri di non commettere alcun errore. Sia per sollevarsi, anche psicologicamente, dal continuo stress di affrontare la burocrazia perniciosa, soprattutto se non si è particolarmente esperti del settore.

 

Maria MonacoDove mettere sede legale associazione?
continua a leggere...

Come si cambia la sede legale di una Srl?

No comments

Fare business presuppone anche, in corso d’opera, prendere decisioni ed effettuare cambiamenti. Anche di una certa importanza e rilevanza. In alcuni casi può risultare utile, o necessario, cambiare la sede legale di una Srl rispetto a quella eletta al momento della costituzione della società. Questa operazione potrebbe far scaturire diversi dubbi. Soprattutto in imprenditori che non si occupano di amministrazione ma sono impegnati e competenti in altro. Come si cambia la sede legale di una Srl? Cerchiamo di spiegarlo in maniera semplice, fluida e chiara!

Cos’è una Srl e perché questa formula societaria è sempre più utilizzata

sede legale di una srl

Se stai pensando di costituire una Srl ma sai già che, a breve, dovrai cambiare zona e quindi trasferirla, forse è bene partire dal principio. Così da darti qualche input più specifico e aiutarti a compiere le scelte più giuste per te e il tuo futuro. Una Srl è una Società a Responsabilità Limitata. Costituita da più soci. Ma, a differenza di una SPA, nella Srl ogni socio investe quote e non azioni. Perché questa formula è molto utilizzata e, anno dopo anno, sta prendendo sempre più piede? Conquistando un’ampia fetta dell’imprenditoria italiana?

  • Permette di costituire una società investendo capitali esigui. Quindi è adatta anche per chi vuole immettersi nel mondo dell’imprenditoria senza, però, disporre di cifre eccessive.
  • La responsabilità limitata fa diminuire i limiti di rischio. Pertanto rappresenta, per certi versi, un paracadute nel caso il business non dovesse dare i risultati sperati.

La sede legale di una Srl

Tuttavia, una Srl è pur sempre una società a tutti gli effetti. Pertanto deve rispettare le regole stabilite per la costituzione. E’ necessario stilare uno statuto e avere un notaio di fiducia che ufficializzi tutte le operazioni. Infine, occorre registrare la Srl in Camera di Commercio. Sul documento di costituita società deve comparire anche l’indirizzo di sede legale di una Srl.

Perché?

  • Quello sarà l’indirizzo di riferimento di tutta la Società. Chiunque voglia, dagli Enti Ufficiali, contattare la Società lo farà presentandosi o scrivendo lì.
  • Tutte le comunicazioni ufficiali, amministrative, burocratiche, legali e fiscali saranno inviate all’indirizzo della sede legale di una SRL e non, ad esempio, in una delle filiali operative.

Perché cambiare la sede legale di una Srl?

Ci sono diverse motivazioni che possono portare i soci di una Srl a decidere di cambiarne la sede legale. Dai più banali ai più strategici.

Vediamone alcuni:

  • l’attività si trasferisce, pertanto risulta più comodo eleggere una nuova sede legale in loco;
  • chi si occupa dell’amministrazione della società si trasferisce e decide di istituire la sede legale nella sua nuova zona di residenza o lavoro;
  • laddove la sede legale di una Srl coincida con una delle filiali operative, si può decidere di spostare gli uffici in una sede più comoda o nuova, per motivi di comodità;
  • ci si espande e si desidera un ufficio più grande, spazioso, funzionale;
  • decisioni strategiche dei soci.

Cambiare la sede legale di una Srl è un’operazione assolutamente fattibile e legale. Pertanto non c’è alcun bisogno di giustificare questa scelta. L’importante è effettuare l’operazione seguendo tutte le regole burocratiche e legali previste per il cambio sede. E provvedere ad avvisare tempestivamente gli Enti competenti, dichiarando il nuovo indirizzo di riferimento della propria società.

Come cambiare la sede legale di una Srl

Cambiare la sede legale di una Srl potrebbe sembrare un’operazione macchinosa e perniciosa ma, in realtà, è più facile di quanto non sembri. Innanzitutto bisogna sapere se il nuovo indirizzo resta all’interno del Comune oppure no.

Spostare sede legale di una Srl restando all’interno dello stesso Comune

Se desideri trasferire la sede legale della tua Srl a un indirizzo diverso da quello originale ma, comunque, nello stesso Comune di costituzione, la prima cosa da fare è redigere un semplice verbale. Proveniente da un’assemblea dei soci. Che dovranno essere presenti in misura pari o maggiore del 51%. Questo documento va presentato in CCIAA. Pagherete solo l’imposta di bollo e le spese di segreteria.

Trasferire sede legale di una Srl al di fuori del Comune

Se, invece, desideri cambiare la sede legale di una Srl trasferendola al di fuori del Comune nel quale risulta eletta la procedura è diversa. E’ comunque necessario istituire un’assemblea, alla quale devono partecipare oltre il 50% dei soci. Il tutto va verbalizzato e fatto firmare a tutti i presenti, in presenza di un notaio. La documentazione per la nuova elezione della sede legale va presentata a tutti gli organi competenti. Quindi al Comune in cui è stata eletta la nuova sede legale, all’Agenzia delle Entrate, all’INPS e all’INAIL. Ovviamente, in questo caso, le spese saranno maggiori. Anche perché bisogna considerare la parcella del notaio.

A chi rivolgersi per il cambio di sede legale?

Se hai deciso di trasferire la sede legale della tua società adesso sai come fare. Tuttavia potresti chiederti quale sia la scelta migliore per gestire, nella pratica, tutte queste operazioni. Soprattutto per quanto riguarda il trasferimento dei dati ai vari Enti. Ricorda che è possibile farlo sia di persona che in via telematica. Ma, come ben sai, quando si parla di burocrazia, se non si è esperti del settore, il tutto può risultare abbastanza ostico e rappresentare una perdita di tempo prezioso nonché una fonte di stress. Per paura di aver commesso qualche errore, anche di semplice forma, che un domani potrebbe rappresentare il cavillo per subire una sanzione.

Il consiglio è, quindi

sede legale di una srl

Di investire in un supporto professionale nel caso si abbia bisogno di eleggere una nuova sede legale per la propria Srl. Quali sono le opzioni?

  • Delegare il notaio a compiere tutte le operazioni, naturalmente tenendo conto che questo farà lievitare, e non di poco, la sua parcella.
  • Affidare tutta la documentazione al Commercialista e chiedendo a lui di occuparsi della pratica. Anche in questo caso, naturalmente, bisognerà corrispondergli il dovuto.
  • Rivolgersi a un Business Center, che potrà occuparsi di tutto, generalmente a prezzi più vantaggiosi e convenienti rispetto al singolo professionista. Questo perché, occupandosi di un numero importante di clienti, può permettersi di dedicare alla propria utenza servizi a costi più accessibili.

Se hai bisogno di informazioni, o di aiuto e supporto per cambiare la sede legale di una Srl, contattaci! Saremo lieti di illustrarti le nostre offerte e le nostre proposte, nonché di occuparci della tua pratica in maniera professionale, precisa e puntuale.

 

Maria MonacoCome si cambia la sede legale di una Srl?
continua a leggere...

Quanto costa spostare la sede legale di una Srl?

No comments

Molto spesso, quando si fa business, è necessario prendere decisioni ed effettuare cambiamenti. Per motivi di praticità, comodità. O, ancora di strategia. Oppure, e sono quelle più auspicabili, per motivazioni legate alla crescita e all’espansione della propria società. Però: quanto costa spostare la sede legale di una Srl? Conviene, in termini economici e di budget? E a chi rivolgersi per poter risparmiare più possibile su questa particolare voce spesa? Naturalmente senza rinunciare alla professionalità, alla competenza e alla precisione e trasparenza dell’operazione. Continua a leggere se desideri saperne di più e ottenere una panoramica che costi da sostenere in caso di cambio sede legale.

Perché spostare la sede legale di una Srl?

spostare sede legale di una srl

Se sei qui è perché fai parte di una Società a Responsabilità Limitata e state pensando di trasferirne la sede legale. Questa è un’operazione che molti imprenditori si trovano a dover fare, prima o poi, nel corso della loro carriera. I motivi che spingono a prendere tale decisione possono essere molti. E tutti condivisibili.

Vediamone alcuni:

  • trasferimento dell’attività, alla ricerca di territori più fertili e consoni al proprio business;
  • espansione e quindi apertura di nuove filiali, più grandi e importanti, che fanno decidere di eleggere la sede legale in un ambiente più confortevole e spazioso;
  • scelte strategiche;
  • acquisto di un ufficio dove si desidera convergere tutte le operazioni amministrativo/legali/burocratiche;
  • praticità, comodità, varie ed eventuali.

Se una Srl desidera cambiare sede legale, in realtà, non deve giustificare tale scelta. Può farlo per qualsiasi motivo e in qualunque momento. L’importante è che l’operazione rispetti tutte le norme previste per spostare la sede legale di una Srl. E che tutta la parte burocratica venga messa in opera con precisione, rispetto delle tempistiche e dovuto pagamento delle eventuali spese e imposte.

Spostare la sede legale di una Srl: due metodi diversi a seconda della distanza di trasferimento

Spostare la sede legale di una Srl prevede due percorsi differenti in base al nuovo luogo di destinazione della società. Ecco le due casistiche.

  1. Se il nuovo indirizzo è all’interno dello stesso Comune basterà redigere un verbale condiviso dall’oltre 50% dei soci, presentarlo in CCIAA e pagare le dovute spese di segreteria e il bollo.
  2. Invece, se la nuova sede si trova al di fuori del Comune, bisognerà agire in modo diverso. Sarà necessario ingaggiare un notaio, verbalizzare la decisione presa dall’oltre 50% dei soci, redigere un nuovo statuto e presentare tutta la documentazione a tutti gli Enti ufficiali di riferimento. Quindi Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate, INPS e INAIL.

Spostare la sede legale di una Srl: le eventuali difficoltà

Di fatto, trasferire la sede legale di una Srl, se la totalità o la maggioranza dei soci sono d’accordo, non è una questione molto complicata. Tuttavia, se chi si occupa di burocrazia societaria non è del campo o si approccia a queste operazioni per la prima volta, l’operazione può comunque risultare perniciosa, portare via molto tempo e nascondere qualche rischio. Sappiamo tutti come funzionano i cavilli burocratici. Basta un piccolo errore, una dimenticanza, un ritardo o un ingenuo vizio di forma per ritrovarsi a doverne subito pagare le conseguenze. Che, in questo caso, potrebbero arrivare sottoforma di sanzioni. Che andrebbero decisamente a gonfiare la voce spesa relativa allo spostamento di indirizzo di sede legale. Un’eventualità assolutamente da evitare. Soprattutto se parliamo di piccole società in via di espansione. Che hanno bisogno di tutte le risorse possibili per puntare al successo e per ottimizzare il loro momento di crescita.

Quanto costa spostare la sede legale di una Srl

spostare sede legale di una srl

Vediamo insieme tutte le voci di spesa relative alla decisione di spostare la sede legale di una Srl. Naturalmente i costi possono variare in base a diversi fattori. Tuttavia, in linea di massima, queste sono le spese principali che si dovranno mettere in conto se si desidera effettuare il cambio di indirizzo legale.

  1. Bisogna incontrare i soci per costituire l’assemblea, redigere e firmare il verbale. Perciò, laddove non si fosse vicini, vanno considerate le spese per gli spostamenti, i pernottamenti, varie ed eventuali.
  2. Se la sede legale viene spostata all’interno dello stesso Comune vanno pagate imposta di bollo e spese di segreteria.
  3. Qualora, invece, il trasferimento avvenga al di fuori del Comune, le spese aumentano. Va infatti assunto un notaio, che pretenderà un adeguato compenso. E vanno considerate le eventuali spese relative alla comunicazione dei dati agli Enti Ufficiali.

Come poter risparmiare?

Diciamo che il costo più importante è quello relativo al pagamento della parcella del notaio. In molti casi è possibile ottimizzarla chiedendogli di occuparsi dell’intera pratica, quindi anche della comunicazione, in presenza o per via telematica, del cambio di sede legale agli Enti di riferimento. Tuttavia, sono davvero pochi i notai che accettano di sobbarcarsi questa incombenza. Nella maggior parte dei casi, se non ci si vuole occupare in prima persona di questo, sarà necessario delegare il Commercialista. Che, però, andrà comunque pagato per effettuare queste operazioni burocratiche. E, generalmente, le parcelle dei Commercialisti non sono particolarmente economiche.

Se si vuole risparmiare tempo e denaro, però, c’è un’opzione da considerare

Affidarsi a un Business Center. Ossia un’Agenzia che si occupa di fornire servizi alle società, anche Srl, proprio in tal senso. I prezzi sono molto più bassi rispetto a quelli richiesti da un Commercialista per effettuare le stesse operazioni. Questo è possibile, lo spieghiamo in tutta trasparenza, perché avendo molti clienti e operando in diversi ambiti burocratici aziendali, è possibile proporre offerte più vantaggiose.

Professionalità, trasparenza, affidabilità, puntualità

Affidarsi a un Business Center non significa di certo mettere in mano di persone sconosciute documentazioni importanti come quelle relative allo spostare la sede legale di una Srl. I team che operano in questo ambito sono costituiti da professionisti del settore. Che, da anni, operano nell’ambito e conoscono perfettamente regole e tempistiche della burocrazia societaria italiana. Se desideri avere maggiori informazioni, un colloquio conoscitivo, una panoramica dei servizi di cui puoi usufruire e un preventivo, contattaci. Senza impegno e gratuitamente saremo lieti di illustrarti le nostre proposte e offerte. Naturalmente è prevista anche l’assistenza, per aiutarti a concludere il tuo trasferimento di sede legale Srl nella maniera più semplice e veloce possibile.

 

Maria MonacoQuanto costa spostare la sede legale di una Srl?
continua a leggere...

Sede Legale della SRL: cosa è, come cambiarla, dove istituirla

No comments

Cosa è la sede legale?

La sede legale di una persona giuridica è di solito il luogo in cui si trova l’organizzazione amministrativa dell’impresa.
Ogni impresa deve avere una ed una sola sede legale.

Come cambiare la sede legale?

La riforma del diritto societario entrata in vigore nel 2004 ha eliminato l’obbligo di indicare nell’atto costitutivo l’indirizzo completo della sede sociale (via e numero civico) limitandolo alla sola indicazione del Comune.
Di conseguenza, dal 2004, la variazione della sede legale all’interno dello stesso Comune non richiede più la modifica dell’atto costitutivo ed è quindi possibile effettuare questa modifica senza notaio.
Nell’iscrizione al Registro delle Imprese occorre comunque indicare l’indirizzo della sede legale comprensivo della via e del numero civico.
L’intervento del notaio è tuttora necessario:
a) per il trasferimento della sede legale da un Comune ad un altro Comune;
b) per la modifica della sede legale nell’ambito dello stesso Comune se nell’atto costitutivo è presente l’indirizzo completo della sede legale (comune, via e numero civico).
In quest’ultimo caso è comunque opportuno verificare presso il Registro Imprese competente le disposizioni del Conservatore del Registro in materia di trasferimento di sede.
Alla società compete comunque di notificare il cambio di sede legale all’Agenzia delle Entrate e alla Camera di Commercio di appartenenza (oltre a INAIL e INPS in caso di posizioni aperte); tali comunicazioni possono essere effettuate in un’unica soluzione tramite una sola segnalazione telematica al Registro delle Imprese.
Per il trasferimento della sede legale, infine, è sempre necessaria la presentazione del verbale di assemblea che ha deliberato tale decisione.

Sede Legale della SRL: cosa è, come cambiarla, dove istituirla

Sede Legale della SRL: cosa è, come cambiarla, dove istituirla

Dove conviene istituire una sede legale?

La sede legale è il “centro degli affari” della società. Di conseguenza sarà il luogo presso il quale verrà notificata la corrispondenza legale.
Alcune società decidono di istituire la propria sede legale presso il proprio commercialista, presso un abitazione comune o, in altri casi, di istituire una sede legale virtuale.

 

Fonte: www.iubenda.com

AdminSede Legale della SRL: cosa è, come cambiarla, dove istituirla
continua a leggere...

Sede legale, come devi scegliere e cosa devi tenere in considerazione.

No comments

Sede legale per la tua società.

scegliere-sede-legale-2

  • Stai per creare una tua società ?
  • Ti stai chiedendo dove sia opportuno mettere la sede legale?
  • Ci sono rischi quando metti la sede legale a casa tua?
  • Come cambiano le tasse a seconda della tua sede legale?
  • Se metto la sede a casa posso scaricare qualche costo?

Se anche tu ti sei fatto una di queste domande allora questo articolo ti aiuta a fare chiarezza sulla gestione della sede legale.

Sede legale e statuto della società

Per prima cosa la sede legale è l’indirizzo che appare nell’atto costitutivo ed indica dove si trova il quartier generale della tua società, ovvero dove è posizionato il centro nevralgico degli affari, oppure dove si trova il centro amministrativo.

Il concetto di sede legale è l’equivalente del domicilio per le persone fisiche e non va confuso con il concetto di residenza.

Capita molto spesso che alcune persone confondono il concetto di sede legale con il luogo di recapito della corrispondenza, più simile invece a quello di residenza per le persone fisiche.

Nella prassi comune può capitare che la sede legale di una società è solo il luogo in cui ricevere la posta e le notifiche, come ad esempio lo studio di un professionista oppure un apposito servizio di “domiciliazione”.

Ogni società deve obbligatoriamente avere un’unica sede legale da inserire nell’atto costitutivo

La sede legale deve essere comunicata sia al Registro delle Imprese che all’Agenzia delle Entrate perché tutti devono sapere a quale indirizzo possono trovare la tua società!

La sede legale si differenzia dalla sede operativa, ovvero dal luogo dove effettivamente svolgi l’attività che, ovviamente, può essere diverso dalla sede legale.

Una società avrà sempre e solo una sede legale mentre potrà avere tutte le sedi operative che servono.

Sede Legale virtuale e marketing

Negli ultimi anni stiamo assistendo sempre di più ad un fenomeno di “dematerializzazione” delle società, ovvero alla tendenza di creare business sempre più “leggeri”, con meno costi e meno capitale immobilizzato.

Una volta, per fare il consulente dovevi per forza avere un ufficio con segretarie, centralino, archivio cartaceo e probabilmente una rete interna per collegare tutti i tuoi PC.

Al giorno d’oggi molti clienti preferiscono usare la teleconferenza via Skype piuttosto che prendere l’auto per venirmi a trovare in ufficio.

Grazie ad internet possiamo fare le consulenze anche con un semplice smartphone connesso ad internet, usiamo i cloud e possiamo scambiare moltissimi documenti in digitale.

I costosi uffici di proprietà servono sempre meno e si possono addirittura affittare ad ore e con prezzi sempre più contenuti.

In questa nuova realtà anche il concetto di sede legale sta diventando sempre più sfumato ed è sempre più lontano dal classico concetto di “sede principale dell’azienda”.

In alcuni casi l’indirizzo della sede legale può essere utilizzato a fini di marketing.

Immagina di voler creare un brand di abbigliamento e di avere due opzioni: posizionare la sede legale a Milano in Via Montenapoleone oppure nel più remoto quartiere di periferia.

Ovviamente un ufficio di 100mq in Via Montenapoleone potrebbe costare un occhio della testa, quindi potrebbe bastare un “ufficio virtuale”

Esistono dei servizi di domiciliazione che ti consentono di domiciliare la sede legale con tanto di servizio di ritiro corrispondenza per qualche centinaio di euro all’anno… interessante, non trovi?

Sede Legale ed uffici pubblici

La scelta della sede legale determina dei riflessi importanti sugli uffici pubblici con i quali dovrà relazionarsi l’impresa.

Dalla sede legale dipende la camera di commercio alla quale dovrai iscriverti, il comune al quale richiedere le principali autorizzazioni commerciali, la circoscrizione del tribunale alla quale fare riferimento per eventuali cause civili e – non ultimo – il tribunale competente in caso di fallimento.

Dal momento che alcuni uffici periferici funzionano meglio di altri e non tutti hanno la stessa velocità di risposta dovrai riflettere prima di scegliere qual’è la giusta strategia che fa al caso tuo.

Come modificare la sede legale

La modifica della sede legale all’interno dello stesso comune può essere normalmente decisa dall’organo amministrativo e necessita di una semplice comunicazione al Registro delle Imprese tenuto dalla Camera di commercio.

Questa possibilità dipende da come è stata riportata la sede legale nello statuto societario.

Nelle SRL infatti non è indispensabile riportare la via ma solamente il comune in cui si trova la sede legale, quindi se devi effettuare un trasferimento all’interno dello stesso comune il notaio non è necessario.

Viceversa se devi modificare il comune, oppure sei sfortunato ed il tuo statuto riporta l’indirizzo completo di via, allora devi convocare un’assemblea straordinaria dei soci per la modifica della sede legale.

In questo caso ovviamente i costi saranno più alti della semplice comunicazione alla Camera di Commercio.

Prima di spostare la sede legale devi sempre verificare l’indirizzo che appare nello statuto della società e controllare che non ci siano limitazioni allo spostamento.

Esiste un aspetto importante che riguarda la SRL semplificata che vale la pena di approfondire.

La SRL semplificata è una società che puoi realmente costituire con quattro spiccioli ed ha un atto costitutivo ridotto all’osso.

Alcuni notai ti impongono di annotare nell’atto costitutivo della SRL semplificata l’indirizzo completo della via e del numero civico, oltre che del comune.

Questo vuol dire che se hai fatto la SRL semplificata tramite uno di questi notai “severi” e devi cambiare anche solo il numero civico allora dovrai tornare dal notaio e spendere dai 1.000 ai 1.500 euro per la modifica.

Sede legale ed abitazione

Alcune persone sono preoccupate di posizionare la sede legale della società presso la propria abitazione perché temono di poter ricevere un’ispezione del fisco presso la propria abitazione.

Su questo ti posso subito tranquillizzare perché il fisco non ti può piombare in casa se non in presenza di forti sospetti di grave reato perché il domicilio delle persone rimane ancora un posto che merita una certa protezione.

In caso di accessi ed ispezioni i funzionari che si trovano alle prese con un’abitazione privata avranno sicuramente tutti i riguardi necessari.

Nella maggior parte dei casi i controlli e le ispezioni si possono fare presso i loro uffici, oppure presso il tuo consulente.

Se il fisco insiste per entrarti in casa allora stai certo che devi averla combinata davvero grossa e di certo c’è di mezzo qualche importante reato fiscale, tale da convincere gli inquirenti a procurarsi un mandato di perquisizione.

Se si arriva a questo punto vuol dire che alla base hanno le loro buone ragioni e difficilmente le forze dell’ordine commettono errori in tal senso.

Sede legale e domiciliazione

In molti casi utilizzare come sede legale lo studio del proprio consulente potrebbe essere una buona scelta perché sarai sicuro che la tua corrispondenza non vada persa.

In caso di controlli potrai usufruire della competenza del tuo consulente che potrà fornire le prime informazioni agli agenti del fisco e questo potrà avvenire anche senza la tua materiale presenza.

Al giorno d’oggi la maggior parte dei controlli del fisco avviene mediante corrispondenza (spesso elettronica) e le ispezioni presso la sede legale sono sempre più rare e mirate.

In altre parole gli agenti fisco non vanno a zonzo per divertimento e se decidono di impegnare delle risorse per una trasferta (generalmente) lo fanno a ragion veduta.

Se decidi di utilizzare un servizio di domiciliazione della sede legaledovresti considerare quali sono gli eventuali costi per modificare l’indirizzo nel caso le tue esigenze non siano più le stesse, ad esempio perché non ti trovi più bene con quel consulente.

Sede legale e fisco

Negli ultimi anni ci sono stati alcuni casi di spostamento della sede legale allo scopo di ritardare l’azione giudiziaria oppure di intralciare l’operato degli agenti del fisco.

Ricordati che la notifica degli atti ad una società deve sempre essere eseguita presso la sede legale che normalmente è anche la sede effettiva.

Secondo la legge le sedi operative o quelle secondarie devono essere iscritte al Registro delle Imprese entro 30 giorni ed entro gli stessi termini l’indirizzo deve essere comunicato all’Agenzia delle Entrate.

Se la sede effettiva è diversa dalla sede legale allora gli atti saranno regolarmente notificati sempre presso la sede effettiva, quindi il trasferimento della sede legale risulta pressoché inutile.

In caso di fallimento lo spostamento della sede legale si considera ininfluente se intervenuto nell’anno antecedente l’inizio della procedura fallimentare.

Trasferimento sede legale all’estero

Se stai pensando di trasferire la sede legale all’estero allora bisogna verificare attentamente che il trasferimento non sia fittizio oppure fraudolento.

In altre parole all’estero non basterà una semplice sede legale “virtuale” ma è necessario che l’impresa sia realmente stata trasferita e con lei anche l’organo amministrativo che la governa.

A questo proposito nel 2017 c’è stata una sentenza delle Corte Europea che ritiene sempre legittimo il trasferimento della sede legale senza trasferire la sede effettiva.

I principi della UE stabiliscono la fondamentale libertà di stabilimento, ovvero l’opportunità di utilizzare normative più favorevoli degli altri stati.

In ogni caso dovrai sempre fare i conti con l’abuso del diritto, ovvero con lo strumento che il fisco può utilizzare per annullare gli effetti del trasferimento.Sede legale e rimborso amministratori

Un’ultima considerazione interessante è quella che riguarda il rimborso agli amministratori delle spese di trasferta.

La prima considerazione sta nel fatto che la sede legale non ha molto a che vedere con la sede effettiva.

La sede effettive è quella dove svolgi realmente l’attività ed i rimborsi spese dipendono dalla sede effettiva di lavoro!

La seconda considerazione è un po’ più tecnica ed ha a che fare con gli spostamenti fuori dal comune della sede operativa.

Dal momento che i rimborsi agli amministratori spettano solo uscendo dal comune devi riflettere attentamente sul posizionamento della sede legale ed effettiva.

In altre parole se attraversi un comune molto grande – come ad esempio Milano – e ti fai un’ora in coda in tangenziale EST non avrai diritto a nessun rimborso. Se invece in cinque minuti attraversi due piccoli comuni alle porte di Milano allora avrai diritto al rimborso pieno!

 

Fonte: https://www.massimotonci.it

AdminSede legale, come devi scegliere e cosa devi tenere in considerazione.
continua a leggere...

Quando la sede legale della ditta individuale e la residenza possono coincidere

No comments

La sede legale della ditta individuale e la residenza possono coincidere?

sede-legale-residenza

Con nota del 14 gennaio 2013, il Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico, su richiesta della CCIAA di Potenza, ha chiarito che la sede legale dell’impresa individuale può coincidere con la residenza del titolare se l’imprenditore decide di organizzare il lavoro da casa.

Con la predetta nota, il Ministero ha formulato le seguenti considerazioni:

– ai sensi dell’articolo 2196, c.1, n.4, del codice civile, l’imprenditore deve indicare, in sede di iscrizione nel registro delle imprese, la sede dell’impresa;

– tale sede è anche indicata, nel medesimo codice, nell’art. 2197 (relativo alle sedi secondarie), come la sede principale dell’impresa;

la sede principale dell’impresa … è il centro dell’attività direttiva, amministrativa, organizzativa dell’impresa e di coordinamento dei fattori produttivi;

– per le società tale centro si presume coincidente, fino a prova contraria, con la sede legale;

– nel caso delle imprese individuali, mancando un atto costitutivo, tale centro non può che dedursi da quanto indicato dal titolare in sede di iscrizione dell’impresa nel registro delle imprese”.

“Ovviamente, per le imprese individuali che tipicamente svolgono la propria attività in appositi locali (ad esempio, una falegnameria, un fabbro) è facile immaginare che, normalmente, “centro dell’attività direttiva, amministrativa, organizzativa dell’impresa e di coordinamento dei fattori produttivi” e “luogo in cui l’impresa svolge l’attività di produzione” di beni e servizi coincideranno, anche per evitare l’assoggettamento ad un distinto diritto annuale per la sede dell’impresa e l’unità locale”.

In ogni caso, chiarisce il Ministero, resta ferma la possibilità per l’impresa stessa di indicare la propria sede principale in un luogo diverso (ad esempio, la propria residenza, il commercialista). Naturalmente, in tal caso, sarà necessario denunciare l’apposito locale come unità locale.

Diversamente, per le imprese individuali che svolgono la propria attività senza l’imprescindibile necessità di appositi locali (ad esempio, l’agente di commercio), appare probabile, ma non necessario, che sede dell’impresa individuale e residenza del titolare coincidano.

Alla luce di quanto sopra e della sentenza n.2814 del 2000 della Cassazione civile (“è certo possibile che un imprenditore individuale risieda in un posto ed abbia la propria impresa in un altro), il Ministero ha concluso desumendo che:

  • la sede dell’impresa individuale può coincidere con la residenza del titolare;
  • non necessariamente la sede dell’impresa individuale deve coincidere con la residenza del titolare.

(Ministero dello Sviluppo Economico – Dipartimento per l’impresa e l’internazionalizzazione – Nota del 14 gennaio 2013, n.5095)

Fonte: https://www.filodiritto.com

AdminQuando la sede legale della ditta individuale e la residenza possono coincidere
continua a leggere...

Domicilio fiscale e sede legale: quali sono le differenze?

No comments

Domicilio fiscale e sede legale: quali sono le differenze?

Azienda Individuale

Ci sono molti aspetti della burocrazia che possono diventare degli scogli, nel momento in cui si costituisce un’Azienda. Quando parliamo di Azienda non bisogna immaginare esclusivamente grandi ditte o progetti. Per il Fisco, anche un semplice lavoratore autonomo è un’Azienda. Viene considerata, appunto “Azienda Individuale” ossia riferibile a una sola persona fisica che la compone e ne caratterizza tutta la struttura organica. Se sei un libero professionista e hai la Partita Iva, sei a tutti gli effetti un’azienda, fiscalmente parlando. Per questo dovrai eleggere un domicilio fiscale e una sede legale a livello aziendale. Inoltre, dovrai anche avere una residenza e un domicilio legale, che si riferiscono invece alla tua persona fisica. In questo articolo ci concentreremo principalmente sull’argomento: “domicilio fiscale e sede legale differenze“. Questo perché tutte le aziende devono necessariamente dichiarare questi due indirizzi, che possono combaciare o differire.

Mediaset: un esempio

Prendiamo come esempio un’Azienda veramente grossa. Mediaset, per citarne una delle più importanti a livello nazionale. Come di certo saprai, Mediaset ha sede legale in via Paleocapa 3 a Milano ma lì non esiste nessuno studio televisivo. Questi, invece, sono ubicati a Cologno Monzese e a Roma. E’ possibile tutto questo? Certo. Perché sede legale e domicilio fiscale sono due cose distinte e separate che, per il Fisco, possono anche non combaciare. Nel tuo piccolo, puoi fare la stessa cosa. Puoi scegliere, a seconda della tua comodità, di eleggere gli indirizzi aziendali nei luoghi che meglio si confanno alla tua attività e al tuo modo di operare, lavorare e vivere. Se da un lato quest’opportunità è positiva, perché ti permette di organizzarti ed espanderti a tuo piacere, dall’altro può essere problematico. Perché? Perché è vietato sbagliare a compilare i documenti relativi alle pratiche burocratiche e, ogni errore, costa una sanzione.

Imparare le regole burocratiche

Tuttavia, come per qualunque cosa, basta comprendere il meccanismo per mettersi al riparo da qualunque errore. Il consiglio è sempre quello di farsi seguire da persone specializzate, soprattutto durante i primi anni di libera professione. Fare il salto da “dipendente” ad “autonomo” è emozionante e interessante ma non così facile. Affidarsi a delle persone esperte, in grado di spiegare bene tutti questi meccanismi e di occuparsi in prima persona delle cose più complicate, è un buon metodo per cominciare con il piede giusto il proprio nuovo percorso professionale. Intanto inizio a darti delle spiegazioni in quest’articolo, che sicuramente ti torneranno utili in tanti frangenti. Scopriamo insieme quali sono le differenze tra “domicilio fiscale” e “sede legale“.

 

Indice

Domicilio Fiscale

Domicilio fiscale e sede legale: quali sono le differenze?

Domicilio fiscale e sede legale: quali sono le differenze?

Il domicilio fiscale di un’Azienda, anche individuale, è l’esatto corrispettivo del domicilio personale, riferito a una ditta. Se hai aperto Partita Iva e ti sei messo in proprio devi entrare nell’ottica di non considerarti più una persona fisica ma, appunto, un’Azienda. Quindi dovrai eleggere il tuo domicilio fiscale. Il domicilio è l’indirizzo presso il quale un cittadino vive per la maggior parte dell’anno. Questo può essere lo stesso della residenza oppure diverso. Nel caso di un’azienda, o di un Libero Professionista, si parla di domicilio fiscale.

Domicilio fiscale definizione ed esempi

Il domicilio fiscale è l’indirizzo del luogo in cui si svolge, costantemente e sempre, un’attività professionale. Molto semplicemente: quello del tuo ufficio. Se hai un appartamento, uno studio, un laboratorio, un negozio o un qualunque posto ubicato in un edificio nel quale vai a lavorare ogni giorno, quello è considerato il tuo domicilio fiscale. Per l’Agenzia delle Entrate quindi, non è importante dove tu viva ma dove tu svolgi le tue mansioni ed esegui vendite o transazioni.

Qualche esempio:

  • sei un commercialista con uno studio? L’indirizzo dello studio è il tuo domicilio fiscale;
  • sei un tatuatore e hai un piccolo monolocale dove accogli i tuoi clienti? Quello è il tuo domicilio fiscale;
  • sei uno scrittore e lavori a casa tua? L’indirizzo della tua residenza, in questo caso, sarà anche quello del tuo domicilio fiscale.

Sede Legale

La sede legale di un’Azienda è invece il corrispettivo della residenza di un cittadino. Se riprendiamo l’esempio fatto all’inizio, quello di Mediaset, ti apparirà tutto più semplice. Per esempio, la grande azienda televisiva è legalmente ubicata a Milano eppure lì ci sono solo gli uffici e non si svolge la vera e propria attività dichiarata dalla televisione. Per il Fisco la sede legale ha importanza relativa ma è molto utile al titolare dell’azienda stessa. Perché?

La comodità dell’avere una sede legale

Quando un’Azienda ha una sede legale, il Fisco invia tutte le comunicazioni a quell’indirizzo. Se parliamo di una ditta con uffici ubicati a indirizzi diversi, sapere che tutta la documentazione fiscale di tutti gli uffici arriva in un unico posto è comodo e confortante. Si evita di perdere documenti, di farsi sfuggire comunicazioni urgenti.

Esempio

La Signora Marchesi ha aperto un’attività di catering, sfruttando le sue capacità culinarie. Ha istituito la sede legale della sua azienda in un ristorante, di sua proprietà, che fa funzionare sempre grazie alla sua libera professione. Tuttavia, la Signora Marchesi vuole coprire le necessità di tutta la sua regione, quindi ha affittato altre tre piccole cucine dove si reca periodicamente per cucinare e distribuire i suoi piatti in zone lontane da quella del ristorante.

  • Il ristorante è la sede legale del catering quindi tutte le comunicazioni fiscali, inclusi eventuali controlli, arriveranno lì;
  • le tre cucine rappresenteranno tre domicili fiscali riconducibili all’attività della Signora Marchesi.

Domicilio fiscale e sede legale: Quello che c’è da sapere

 

Come districarsi nella giungla del “domicilio fiscale” vs “sede legale“? Tenendo a mente pochissime semplici regole:

  • tutti i luoghi di proprietà, o in affitto, in cui si svolge il proprio lavoro vanno dichiarati come domicili fiscali di ciascuna dislocazione aziendale;
  • la sede legale è quella principale che rappresenta la residenza dell’azienda;
  • domicilio fiscale e sede legale possono combaciare. Ad esempio, l’Architetto Rossi può eleggere come indirizzo di sede legale il proprio unico ufficio che, volendo, può addirittura essere in casa sua quindi combaciare anche con residenza e domicilio legale;
  • domicilio fiscale e sede legale possono essere diversi;
  • un’Azienda può avere una sola sede legale;
  • può però avere più domicili fiscali.

 

Fonte: https://www.domiciliazionesocieta.com

AdminDomicilio fiscale e sede legale: quali sono le differenze?
continua a leggere...

Trasferimento della sede legale, serve il notaio?

No comments

Per trasferire la sede legale occorre il notaio? Quali sono gli adempimenti e come fare?

trasferimento sede legale
Il trasferimento della sede legale è disciplinato dalla riforma del diritto societario (Decreto legislativo n. 6/2003), entrato in vigore il 1° gennaio 2004.

Nella Riforma per effetto degli articoli n. 2328, 2463 e 2451 del c.c., viene eliminato l’obbligo di indicare nell’atto costituivo l’indirizzo completo della sede sociale, basta solo l’indicazione del Comune. Di conseguenza, variare la sede legale all’interno dello stesso Comune non richiede la modifica dell’atto costitutivo, quindi non c’è bisogno del notaio. Prima bisogna recarsi dal notaio per redigere il verbale e dare comunicazione di modifica al Registro delle Imprese. Questa variazione intervenuta, comporta vantaggi in termini di tempo ed economici.

Trasferimento sede legale: quando occorre il notaio?

Si è obbligati a rivolgersi dal notaio per il trasferimento della sede solo:

  • per trasferimento sede legale da un Comune ad un altro Comune;
  • per modifica sede legale nell’ambito dello stesso Comune ma per le sole società aventi nell’atto costitutivo l’indirizzo completo della sede legale, (Via, numero civico e Comune).

Quando nell’atto è indicato l’indirizzo completo è opportuno consultare la guida operativa del Registro Imprese presso il quale la società è iscritta per verificare le varie disposizioni, modalità e documentazione richiesta in materia di trasferimento di sede. Le modalità e la documentazione possono differire a seconda della Camera di Commercio di appartenenza.

Trasferimento di sede legale e forma giuridica

La normativa sopra evidenziata, non ha valore solo per le società di capitali o cooperative, ma anche per le società di persone. Per tutte le tipologie di impresa vi è l’obbligo di comunicare il cambio di sede legate all’Agenzia delle Entrate e alla Camera di Commercio di competenza, oltre agli enti INAIL e INPS in caso di posizioni aperte.
Oggi queste comunicazioni possono essere effettuate in un’unica segnalazione telematica al Registro delle Imprese (sistema ComUnica).

Startup innovative: non serve il notaio per la costituzione

 

Fonte: https://www.investireoggi.it

AdminTrasferimento della sede legale, serve il notaio?
continua a leggere...

Sede Legale: Definizione

No comments

Sede legale

sede-legale

La sede legale (o sede sociale) di una persona giuridica (società o ente non commerciale) è il luogo in cui dall’atto costitutivo essa risulta avere il centro dei propri affari.

Concetto

Il concetto di sede legale è l’equivalente del concetto di residenza per le persone fisiche. L’articolo 46 del Codice civile italiano infatti recita: Quando la legge fa dipendere determinati effetti dalla residenza o dal domicilio, per le persone giuridiche si ha riguardo al luogo in cui è stabilita la loro sede. Nei casi in cui la sede stabilita ai sensi dell’art. 16 o la sede risultante dal registro è diversa da quella effettiva, i terzi possono considerare come sede della persona giuridica anche questa ultima.

La sede legale non va tuttavia confusa con la sede operativa o con la sede amministrativa. In queste ultime si trovano gli uffici dell’impresa, nella quale vengono svolte le attività politiche e gestionali. Il concetto di “centro degli affari” infatti può essere ricondotto al mero luogo di notifica della corrispondenza legale e la sede legale può essere anche una casella postale. Nella pratica professionale molte società di capitale o cooperative indicano nell’atto costitutivo come sede legale lo studio di un professionista e in tale luogo vengono tenute le riunioni del Consiglio di Amministrazione o anche le assemblee dei soci.

La Corte di Cassazione ha in merito affermato: Ai fini dell’equiparazione di fronte ai terzi, ex art. 46 cod. civ., della sede effettiva della persona giuridica alla sede legale, deve intendersi per sede effettiva il luogo in cui hanno concreto svolgimento le attività amministrative e di direzione dell’ente ed ove operano i suoi organi amministrativi o i suoi dipendenti, ossia il luogo deputato o stabilmente utilizzato per l’accentramento dei rapporti interni e con i terzi, degli organi e degli uffici in vista del compimento degli affari e della propulsione dell’attività dell’ente

Trasferimento della sede legale

Con la riforma del diritto societario il trasferimento della sede legale all’interno dello stesso comune non è più considerata modificazione dell’atto costitutivo e può essere comunicata al Registro Imprese direttamente dagli amministratori senza effettuare un rogito notarile.

Fonte: https://it.wikipedia.org

AdminSede Legale: Definizione
continua a leggere...